Come è cambiato il nostro modo di abitare e la nostra idea di casa con il Covid-19 (con Letizia Bonatti)

Sicuramente questi mesi hanno un po’ modificato il concetto di casa. Se per qualcuno è diventata davvero un luogo di protezione, per altri si è trasformata in una gabbia. Così abbiamo dovuto anche modificare la nostra casa e imparare a viverla diversamente per non annoiarci. In fase lockdown abbiamo ridotto gli acquisti di vestiti e aumentato quelli dedicati alla nostra abitazione. Allo stesso tempo, costretti a casa h24, in tanti hanno dovuto mettere in discussione la propria idea di casa e di abitare. Spesso la casa è vista come un luogo intimo, dove riposarci dopo una giornata frenetica. Ma quando non si può fare altro che stare chiusi fra 4 mura e spesso condividere pochi mq con altre persone si è dovuto trovare un equilibrio tra la socialità e l’intimità per non incorrere in stress e rabbia. Sicuramente modificare gli spazi e imparare a viverli diversamente può aiutare, ma soprattutto la domanda che mi faccio questi mesi di lockdown hanno davvero modificato il nostro concetto di “abitare”? Insieme alla  Home Stager Letizia Bonatti cerco di rispondere a questo quesito e di darvi alcuni consigli.

ISCRIVITI AL PODCAST